Sostegno & Recupero

Agli studenti che nel corso dell’anno incontrano difficoltà nel processo di apprendimento vengono garantite attività di recupero e sostegno.

Tali attività vengono gestite con modalità diverse, già sperimentate nei precedenti anni scolastici:

  • corsi pomeridiani periodici;
  •  progetti modulari, specie per matematica e lingua inglese;
  • progetto di sportello didattico, di carattere generale, che prevede attività  di integrazione e supporto individuale, destinate a tutti gli studenti che lo richiedono, pianificate mediante appuntamenti;
  • sospensione delle attività ordinarie per la realizzazione di iniziative differenziate di recupero.
Sostegno e integrazione di studenti in situazione di svantaggio

Si tratta di un ambito nel quale l’Istituto si muove con particolare convinzione da alcuni anni.

Stimolo fondamentale è la convinzione che lo studente in situazione di handicap possa realizzare pienamente il diritto all’integrazione, all’educazione e all’istruzione nella classe dei suoi coetanei.

Per l’organizzazione delle attività di integrazione, l’istituto si vale della collaborazione del Gruppo di studio e lavoro per l’handicap e del Gruppo Tecnico.

Il Gruppo di studio e di lavoro presiede alla programmazione generale dell’integrazione e contribuisce a collaborare alle iniziative educative e di integrazione previste dal piano educativo individualizzato. Interviene per analizzare la situazione complessiva nell’istituto, rilevare le risorse sia umane che materiali, promuovere la formazione del Gruppo Tecnico degli insegnanti specializzati, verificare gli interventi a livello d’Istituto, formulare proposte per la formazione e l’aggiornamento.

Tra le attività che vengono attuate vale la pena ricordare in particolar modo:

  • attività di formazione e aggiornamento;
  • attività di informazione ai docenti dell’Istituto;
  • costituzione del Gruppo Tecnico per la stesura di progetti per alunni con particolari disabilità inseriti nel nostro Istituto.

Il Gruppo Tecnico, attivato per rendere operative le linee guida del Gruppo di Lavoro, realizza attività quali

  • seminari di informazione con i docenti;
  • attuazione di progetti per alunni in s/h;
  • contatti con il territorio, in particolare con l’A.S.L. e il comune locale per la realizzazione delle attività previste dalla normativa;
  • colloqui e consulenza con le famiglie degli studenti in s/h attuati in maniera intensiva senza i limiti previsti da una rigida calendarizzazione.

 

Tutte le attività di integrazione si avvalgono della collaborazione dei docenti titolari di Funzioni strumentali al POF, che sono chiamati a contribuire significativamente per ogni ambito di area (informatica, orientamento, contatti con il territorio, ecc.); in modo particolare l’Istituto ha individuato una figura obiettivo referente per l’area relativa all’integrazione degli studenti in s/h.

Nella consapevolezza che le attività che un istituto secondario di secondo grado deve intraprendere per garantire la piena integrazione degli studenti in situazione di handicap sono tante e numerose, si ritiene necessario operare muovendo da un principio di base:  la qualità dell’integrazione passa principalmente attraverso un percorso formativo di carattere pedagogico e didattico comune a tutti gli alunni nel rispetto della soggettività degli stessi.

 

Il Centro territoriale di documentazione, risorse e servizi per l’handicap dell’Ovest bresciano

 

L’ITCG Einaudi, unica scuola superiore della Provincia, è stato scelto come sede di uno dei 6 centri risorse voluti dal competente settore dell’Ufficio scolastico di Brescia.

Scopo fondamentale del Centro Territoriale di Documentazione, Risorse e Servizi per l’Handicap per l’Ovest Bresciano è quello di valorizzare e utilizzare al meglio le risorse esistenti sul territorio per l’integrazione degli alunni in situazione di handicap; tale finalità si declina nei seguenti obiettivi:

  • sistematizzare e riorganizzare le esperienze acquisite dalle scuole e da tutte le istituzioni che operano sul territorio;
  • favorire lo scambio di esperienze e competenze con centri di studio in Italia e all’estero;
  • offrire un punto di riferimento concreto sul piano della progettazione e pratica didattica alle scuole e alle altre istituzioni impegnate nell’integrazione delle persone in situazione di handicap;
  • costruire una rete di informazioni al servizio delle scuole e delle altre istituzioni che si occupano dei problemi delle persone in situazione di handicap e delle famiglie interessate (fra l’altro: creazione di una pagina Web sul sito Internet dell’Istituto);
  • predisporre piani di aggiornamento per il personale scolastico e gli operatori dei servizi sociali.

L’Istituto si adopera per garantire tutte le finalità del C.R.T., in particolare:

  • mette a disposizione uno spazio fisico dotato di linea telefonica e di computer collegato a internet per garantire la messa in rete con il territorio, anche attraverso la realizzazione delle pagine web del C.R.T. all’interno del sito della scuola;
  • sostiene l’attività del C.R.T. valendosi della collaborazione del personale scolastico (docenti, personale A.T.A.).